• Italiano
  • English

menu

"DoloreInBellezza". Tra impossibile e possibile: narrazione e cambiamento

Dal 6 aprile al 7 giugno, 4 incontri per esplorare la sofferenza e i percorsi per superarla Un’iniziativa di Azienda USL e Università, in collaborazione con gli Istituti Penitenziari di Parma

Parma, 4 aprile 2018 - Torna “DoloreInBellezza”, la rassegna nata nel 2010 dalla collaborazione tra Azienda USL e Università di Parma, che, in questi anni, ha esplorato le diverse forme della sofferenza, integrando vari registri espressivi e linguaggi. 

Tema di questa ottava edizione è la tensione tra possibile e impossibile dentro le biografie individuali e collettive: da un lato l’apparenza e l’illusione del “tutto è possibile”, offerto dalle tecnologie e dalle immagini, dall’altro la crescente insoddisfazione, la sensazione collettiva che il cam­biamento dell’ordine sociale sia “impossibile”.  La “narrazione di sé” diventa uno strumento potente per dare forma a questo disordine, dargli un significato, per comprendere, per trasmettere agli altri e per facilitare processi di cambiamento, personale e sociale.

Il primo appuntamento della rassegna è per venerdì 6 aprile, dalle 9.30 alle 13 agli Istituti Penitenziari di Parma: intervengono Lorenzo Natali, criminologo dell’Università di Milano-Bicocca e Marta Giorgi, presidente dell’Associazione Alumni Progest Unimib.

Questi gli altri incontri in programma:
il 9 maggio dalle14.30 alle 17.30, nell’Aula B della Sede Centrale dell’Ateneo in via Università 12, intervengono Ivo Lizzola, pedagogista dell’Università di Bergamo, Ignazio De Francesco,  monaco della Piccola Famiglia dell'Annunziata e Vojsava Tahiraj, mediatrice culturale; il 24 maggio, sempre dalle 14.30 alle 17.30 nell’Aula B della Sede Centrale dell’Ateneo in via Università 12, Reading del regista Vincenzo Picone, intervengono Antonella Moscati, scrittrice e filosofa, e Federica Sossi, filosofa dell’Università di Bergamo; il 7 giugno dalle 9.30 alle 13, agli Istituti Penitenziari di Parma, performance “Scrivere di sé”, con detenuti e studenti dei gruppi di scrittura a cura di Carla Chiappini, giornalista di Ristretti Orizzonti e Vincenza Pellegrino, sociologa dell’Università di Parma, regia di Vincenzo Picone, reading di Daniele Barbieri, giornalista e scrittore; interviene Duccio Demetrio, direttore scientifico della Libera Università dell'Autobiografia di Anghiari.
Gli incontri sono moderati da Vincenza Pellegrino e Maria Inglese (AUSL di Parma).

La rassegna è organizzata dal Dipartimento Assistenziale Integrato Salute mentale-Dipendenze patologiche dell'Ausl di Parma e dal Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali e dal corso di laurea in Servizio Sociale dell’Università di Parma, in collaborazione con gli Istituti Penitenziari di Parma.

Pubblicato Mercoledì, 4 Aprile, 2018 - 11:32 | ultima modifica Mercoledì, 4 Aprile, 2018 - 11:48